1. Home>
  2. Temi HR>
  3. l’Ufficio Personale>

Modalità diverse di affrontare le più grandi sfide delle Direzioni HR

02520

Le Direzioni HR hanno vissuto un lungo periodo focalizzate su un obiettivo prezioso, ma piuttosto incolore, incentrato su misure di efficienza sui costi, conformità legale ed aumento della produttività. Questo non solo ha portato paradossalmente ad un appesantimento dei processi, ma ha anche involontariamente compromesso il tocco umano delle HR, proprio quando le persone avevano più bisogno di questo genere di supporto. E infatti, a dimostrazione, molte delle 10 principali sfide HR per il futuro riguardano più che mai il mettere il talento al primo posto.

    Come siamo arrivati qui: paura e ansia al lavoro

    Un recente sondaggio tra i dipendenti condotto da SD Worx mostra che il 18,9% della forza lavoro è altamente impegnato, il 23,5% è disimpegnato e il 57,6% si trova da qualche parte nel mezzo - non un risultato eccellente.

     

    Una delle ragioni principali è che alcune aziende puntano ancora al massimo controllo, espresso in obiettivi e ruoli rigidi e ristretti. Analizzano nel dettaglio i processi per gestirne la complessità e cercano di prevedere ogni possibile circostanza. Altre aziende, spinte da un mondo che cambia, hanno già voltato la pagina del controllo molto tempo fa e si sono buttate a capofitto in modi agili di lavorare. La flessibilità è improvvisamente diventata il Santo Graal. E mentre l'agilità ha certamente dimostrato di essere utile durante la pandemia, ha anche mostrato i suoi lati negativi: le persone hanno perso di vista il quadro generale ed hanno dovuto lottare per far fronte ad un nuovo ritmo delle cose.

     

    Entrambi gli ambienti di lavoro fanno sentire le persone piatte. Svolgono il loro lavoro a testa bassa e fanno quello che viene chiesto, perché - il più delle volte - le ricompense dipendono anche da questo. La paura e l'ansia prendono il sopravvento e uccidono ogni potenziale di iniziativa e nuove idee.

      Dove dovremmo andare: stimolare la creatività

      Probabilmente l'avrete letto un miliardo di volte: il cambiamento è diventato l'unica costante. In altre parole, la prevedibilità se n’è andata. Un approccio mirato al massimo controllo quindi non funzionerà più, ma anche l'altro estremo potrebbe fare pagare un dazio. Specialmente nella gestione dei (preziosi) talenti.

      Tutto questo infatti costringe le aziende a ripensare alla loro strategia (sui talenti), ma offre anche alcune opportunità. Un'interessante linea d'azione per restaurare una reale sensazione di umanità sul lavoro e per aumentare l'agilità organizativa, così come l’ingaggio dei dipendenti, si basa sull'attivazione dei sistemi biologici di esplorazione nelle persone, secondo Dan Cable, professore di comportamento organizzativo alla London Business School.

      Le aziende devono riuscire a stimolare in qualche modo quella parte del cervello umano che desidera l'esplorazione e l'apprendimento.

      Questo concetto sposta l'equilibrio emotivo dalla paura e dall'ansia a sentimenti positivi, come la curiosità, l'entusiasmo e l'eccitazione. I dipendenti puntano ad una versione migliore di se stessi se hanno la libertà di sperimentare e superare i limiti. Anche lo scopo gioca un ruolo importante. I datori di lavoro dovrebbero aiutare i dipendenti a (ri)scoprire quel significato che è oramai sepolto sotto tutti i loro compiti quotidiani.

        Una situazione vantaggiosa per tutti

        Mettiamo la teoria in pratica. Uno degli obiettivi principali dei leader aziendali per riuscire a fare appello al sistema di esplorazione dei dipendenti è quello di capire quali parti del loro lavoro li fanno stare meglio. L'obiettivo è quello di costruire i ruoli in base ai punti di forza e alle cose a cui le persone tengono di più. Ciò che la persona A considera noioso potrebbe innescare il sistema di ricerca della persona B, se avete capito bene. Attenzione però, questa modellazione dei ruoli non avviene dall'oggi al domani, ma passo dopo passo.

        Questo modo di lavorare è migliore per gli esseri umani ed è migliore anche per l'organizzazione stessa, poiché porta ad una maggiore creatività ed innovazione.

        Ma c'è di più, permette anche di affrontare alcune delle più grandi sfide HR per il 2022.

          Cercate altre intuizioni innovative sulle principali sfide HR per il 2022 e oltre?

          Abbiamo chiesto a 10 noti esperti di fare proprio questo.

          Scarica il nostro Rapporto
          0258520