1. Home>

Whistleblower - tutela obbligatoria per le segnalazioni - preparatevi in tempo

-Tempo di lettura: 3 Minuti
Whistleblowing-Richtlinie: Mit digitalen Plattformen einfach umsetzen

Edward Snowden, Chelsea Manning o Frances Haugen... sono solo alcuni nomi di noti segnalatori che hanno rischiato la vita per una giusta causa. Le loro motivazioni si possono considerare nobili, ma il pericolo di pesanti sanzioni rimane elevato, ed è per questo che è necessario proteggerli. L'Europa sta conseguentemente rafforzando le regole a riguardo.

    Che cosa prevede la direttiva Whistleblower?

    La direttiva stabilisce gli standard minimi per la protezione delle persone che denunciano gli illeciti (whistleblower). Si tratta di individui che, lavorando in un ente pubblico o un'azienda privata, hanno individuato determinate violazioni e vogliono denunciarle. Queste violazioni possono riguardare le norme sugli appalti pubblici, i servizi finanziari, la prevenzione del riciclaggio di denaro, la salute pubblica, la protezione dell'ambiente, la protezione dei dati... Gli esempi sono innumerevoli.

      Azioni concrete

      Tutte le aziende e le organizzazioni del settore privato con almeno 50 dipendenti devono istituire un canale di segnalazione interno. Naturalmente, devono esserci sufficienti garanzie in termini di indipendenza, riservatezza, monitoraggio e protezione dei dati.

        Chi protegge questa direttiva?

        La protezione si applica a tutte le persone economicamente vulnerabili che desiderano segnalare una violazione osservata in un contesto lavorativo. Ciò riguarda sia gli attuali che gli ex dipendenti, i funzionari pubblici o i lavoratori autonomi, ma anche i tirocinanti e i volontari. Lo stesso vale per i familiari, i colleghi e i confidenti dell'informatore. Anche gli informatori anonimi sono coperti dalla direttiva se vengono identificati in un secondo momento.

          Quando sarà applicata la direttiva sugli informatori?

          Il 16 dicembre 2019 è entrata in vigore la direttiva europea sui whistleblower. L'Italia avrebbe dovuto recepire la direttiva UE nel diritto nazionale entro dicembre 2021. Ma l'attuale regime italiano non copre tutto ciò che è contenuto nella direttiva. Alla fine del 2021, l'Italia non ha rispettato la scadenza fissata dalla direttiva Whistleblower, tuttavia il governo sta attualmente lavorando alla relativa legge delega che è in fase di approvazione, ma per la quale non ci sono indicazioni sui tempi. Il Parlamento ha approvato la legge nell'agosto del 2022, ed è entrata in vigore nel settembre dello stesso anno, dando al governo tre mesi di tempo per implementare la direttiva, tuttavia, non è certo che questo termine venga rispettato.

          Nessuno sa quali saranno le conseguenze se l'Italia non recepirà la direttiva in tempo. Ma riteniamo che sarebbe saggio segnare in anticipo quella data sul calendario. In ogni caso, l'obbligo entrerà in vigore e potrebbe essere prima di quanto si pensi, quindi è meglio non aspettare il governo, ma agire subito.

            Cosa fa per voi?

            La direttiva Whistleblower mira essenzialmente a salvaguardare l'integrità delle imprese. Sebbene la procedura non impedisca ai dipendenti o a terzi di rivolgersi ai media (sociali) per segnalare un reclamo, ne riduce le possibilità. Dopo tutto, la protezione è garantita. Prendendo subito delle iniziative, come datore di lavoro sarete già in regola con i requisiti minimi europei.

              Domande sulla direttiva Whistleblower?

                Contattateci
                how to become an employer of choice - Ebook
                e-Book

                Quali caratteristiche per essere un datore di lavoro che attrae talenti

                Questo e-book è una lettura obbligata se avete a che fare con la carenza di talenti. Illustra 9 punti di attenzione e come affrontarli. Il tutto si basa su un'ampia ricerca condotta tra datori di lavoro e dipendenti europei, condita dall’acume di esperti. La sintesi è che diventare un datore di lavoro capace di attirare i migliori talenti non è questione di fortuna ma di iniziative ben mirate. Inizia oggi stesso con questa lettura.

                4 consigli su come rimanere in contatto con i propri dipendenti
                Blog

                Lavoro ibrido: 4 consigli su come rimanere in contatto con i propri dipendenti

                Il lavoro ibrido offre molti vantaggi tanto all’azienda quanto ai dipendenti. Non a caso, più di 7 dipendenti su 10 affermano che il loro equilibrio tra lavoro e vita privata è migliorato. Ma dopo tre anni di lavoro ibrido, iniziano a manifestarsi le prime crepe che non sempre sono visibili. L'affievolimento del contatto umano ne è un esempio. Ecco 4 modi per invertire la tendenza. 

                2022-08-17
                02520
                Blog

                Modalità diverse di affrontare le più grandi sfide delle Direzioni HR

                Dopo un lungo periodo di contenimento, è tempo di concentrarsi di nuovo sulla crescita.

                E questo ispira molte aziende a (ri)connettersi con i propri talenti. Alcuni modi nuovi, basati sulle emozioni positive, possono già fare miracoli ed avere un impatto significativo sui dipendenti per recuperare la loro motivazione. Nel frattempo, immaginiamo che stiate affrontando anche voi la maggior parte delle 10 principali sfide HR per il 2022 e oltre.

                2022-05-25